Menu di scelta rapida
vai ai contenuti [1]  |  navigazione del sito [2]  | 

Portale del Comune di Cremolino

Cremolino

Sito ufficiale dell'Amministrazione Comunale

Tel: 0143 879037 - Fax: 0143 879425 - E-mail: info@cremolino.com

Antico portale

Navigazione del sito

Amministrazione Trasparente

Per suggerimenti, consigli, critiche e idee relative al sito del Comune di Cremolino, scrivete a:

sito@cremolino.com

Il Sindaco, il Web Master e l'Amministrazione Comunale tutta vi ringraziano per il vostro contributo.

Tommaso Malaspina (sec. Tredicesimo):
primo vero signore di Cremolino, feudo che ottenne in eredità dal padre Federico nel tredicesimo secolo. Intorno al 1260 fece ricostruire ex novo le antiche mura (presumibilmente del sec. X) a difesa del Borgo. Stipulò con il marchese di Monferrato e con il marchese Corrado del Bosco il trattato di Moncalvo col quale rinunciava ad ogni velleità espansionistica.

Isnardo Malaspina (sec. XV):
alleato di Francesco Sforza nel 1454 e testimone nella ratifica dei capitoli matrimoniali fra Ippolita Sforza e Alfonso d’Aragona. Fece costruire nel 1460 una seconda cerchia di mura, tuttora visibile e quasi interamente conservata, a difesa del Borgo, aumentato di popolazione e case.

Padre Enrico Laneri:
Carmelitano inviato dal Provinciale della Lombardia come parroco a Cremolino in seguito alle notizie sui misfatti operati da alcuni carmelitani del convento cremolinese. La sua attività da parroco è stata senz’altro positiva considerato che sia la popolazione cremolinese che il Consiglio comunale (Convocato del 1756) chiedono insistentemente che padre Laneri sia confermato parroco di Cremolino. In aggiunta a ciò già nel 1751 un memoriale inviato al Generale dei Carmelitani tesseva elogi sul buon operato del padre.

Dott. Pietro Bertalero (1849-1914):
Medico a Cremolino tra la fine del 1800 e i primi anni del 1900. Originario di Alice Belcolle ha abitato nell’attuale n. 36 di Via Roma lasciando un indelebile ricordo per la sua disponibilità, la sua cultura e l’attività caritativa, divenendo benefattore con un lascito per il quale fu fondato l’Asilo che portava il suo nome (soppresso negli anni ottanta) e nel quale tra il 1925 e il 1960, come maestre premurose e instancabili, si sono distinte due suore luigine: Suor Lorenzina e Suor Geltrude, ancora oggi molto vive nella memoria dei cremolinesi ultracinquantenni.

Dott. Giuseppe Ferrando (1874-1945):
Medico condotto per quasi tutta la prima metà del 1900, ha operato in modo instancabile e disinteressato, soprattutto verso i meno abbienti, lavorando con grande disponibilità e competenza. Molto affezionato al proprio paese ha operato per abbellirlo e renderlo più accogliente. La sua operosità come medico e come cremolinese ha spinto l’Amm.ne comunale a intitolargli la piazzetta centrale.